Immagine

Comunicazione creativa: Non un semplice corso di grafica a Urban Fabrica

A Ravenna nello spazio creativo  Urban Fabrica  gli allievi del corso di grafica non devono imparare photoshop: devono imparare il gusto abbinato alla creatività e alla comunicazione. Il Fantasioso (con gusto) attraverso pochi strumenti crea il capolavoro. Ecco alcuni lavori dei miei allievi dopo 8 ore di lezione. Specifico che partivano tutti da zero. In copertina

Ispirazione fine 800 per la pubblicità su Ivano Marescotti

Sembra una confezione di sigari fine 800 la nuova campagna promozionale per il corso nazionale di teatro con Ivano Marescotti. Creata il 27 novembre 2016 da Deda Fiorini

a bit GopNik a bit Hood Futurist a bit SteamPunk

deda-fiorini-social-media-manager-italia

Ho letto riviste e ascoltato programmi che parlavano di queste nuove tendenze. Mi hanno confuso un po’ il cervello ma comunque di stimoli trattasi. Se volete approfondire queste tre tendenze vi consiglio sicuramente i GopNik che fanno riferimento alla storia dell’ex unione sovietica. I GopNik rivistati in chiave moderna sono ragazzi sotto i 30 anni

La libertà dell’arte

deda fiorini communication specialist

La potenza di un gesto, l’attimo fuggente, la fantasia, l’ingegno ….jugaad. disegno di Deda Fiorini del 14/08/2016

Digital Storytelling applicato a settori “tradizionali: dall’Opera ai Musei. Focus on sui digital storyteller più quotati, da Limosani a Bernabini

C’è un settore che nonostante lo stravolgimento comunicativo e promozionale rimane quasi intoccabile: l’Opera, la Lirica e tutto quello che vi ruota intorno. Infatti questo arroccamento stilistico, questa sorta di immunità alla comunicazione più innovativa e creativa ha dato risultati poco edificanti per quanto riguarda l’utenza delle persone che seguono il settore. Una media di età

Social Life, Media e New Ugly: la comunicazione è “Brutta”. Ma solo per finta.

Demna Gvasalia è il nuovo giovane stilista di Balenciaga dall’aspetto un po’ Punk che ha portato nell’ultima sfilata dei modelli e delle modelle che tutti definiremmo semplicemente brutti con addosso abiti con forme sperimentali, cubiste quasi. Una schiera di persone dice “Genio! La nuova bellezza”, l’altra sconsolata sussurra “ma dove stiamo andando?”

agli Italiani manca…

“Agli italiani manca una formazione digitale, il vostro sistema educativo non forma persone adatte al nuovo mondo. Io credo che l’Italia possa fare di più per creare posti di lavoro, manca la consapevolezza che il digitale può far crescere l’economia” Eric Schmidt Presidente di Google Ciao, Eric qui sopra l’ha detta giusta…d’altra parte è “solo”

JUGAAD Generation

In questi anni le tendenze hanno generato come da sempre nuove community e folksonomie: gli Yuccie , i Normcore, gli Hipster, gli ormai obsoletiGeek, i Makers, i fabLabber, i Millenials. Tutte queste nuove comunità possono essere racchiuse nella JUGAAD GENERATION. JUGAAD è un termine indiano che in italiano non è traducibile con una sola parola;

Giovani tra gioia e ansia: una generazione che ha bisogno di essere rasserenata

  MASCHERE QUOTIDIANE   La mia analisi oggi parte da un libro: Maschere Quotidiane del sociologo Massimo Cerulo, libro dedicato ai 18enni e 25enni, agli universitari italiani, testo che sviluppa un focus sulla loro situazione emotiva. Oggi siamo di fronte ad una generazione caratterizzata soprattutto da una dimensione psicologica, giovani che dimostrano una grande ipersensibilità ed

Social media team:una grande ca**ata

L’avvento prepotente dei social network nella nostra vita ha generato cambiamenti strutturali profondi nel mondo del lavoro e nei rapporti interpersonali. Ad un certo punto siamo passati da una pubblicità super partes (fatta da televisione, radio e giornali) ad una pubblicità “fai da te”. Il proprietario del ristorante ha incaricato la sua barista di scrivere